Windows

Come aggiungere cartelle di rete all’indice di ricerca di Windows

Trova rapidamente quello che ti serve, ovunque sia

In Windows 10, la funzione di ricerca predefinita indicizza la cronologia di Internet Explorer, il menu Start e l’intera cartella degli utenti sulla partizione di sistema. Cosa fare se si desidera aggiungere una cartella di rete all’indice di ricerca in Windows 10? Per esempio, diciamo che avete un dispositivo NAS (network attached storage) e che avete un mucchio di video, immagini e file che semplicemente non si adattano al vostro PC?

In questo articolo, vi mostrerò come aggiungere una cartella di rete all’indice di ricerca in modo che quando si cerca un file da Explorer, si otterranno anche risultati che includono i file memorizzati nella cartella di rete.

Nota: Tecnicamente parlando, il client Windows non aggiungerà una posizione di rete all’indice di ricerca locale. Al contrario, passerà tale ricerca al server e il server eseguirà una ricerca utilizzando il suo indice. Se si sta cercando di cercare un dispositivo NAS, la ricerca verrà eseguita in tempo reale, quindi i risultati richiederanno un po’ di tempo per apparire. Se si cerca un File server Windows, è necessario assicurarsi che l’indice di ricerca sul server includa tutte le posizioni desiderate.

VEDI ANCHE  Come controllare e personalizzare il desktop di Windows 10

Passo 1 – Cartella Condividi

La prima cosa che si vuole fare è condividere la cartella che si vuole includere nell’indice. Sarà necessario condividere la cartella sul NAS o sulla macchina host, se si tratta di file memorizzati su un PC Windows, ad esempio. Come esempio, volevo includere alcuni file memorizzati sul mio PC Windows 7 nell’indice di ricerca di Windows 10. Questi sono i tre file di prova che voglio includere:

Così sono andato su Windows 7 e ho condiviso la cartella cliccando con il tasto destro del mouse e scegliendo Proprietà.

Poi ho cliccato sulla scheda Condivisione, Condivisione avanzata, ho selezionato Condividi questa cartella, ho cliccato su Permessi e ho dato a Tutti il pieno controllo. Ovviamente non è necessario dare a tutti il pieno controllo, lo sto facendo solo qui perché è più facile da impostare.

Fase 2 – Guida alla rete cartografica

Successivamente si deve mappare la cartella come unità in Windows 10. Potete farlo aprendo Explorer e poi cliccando su Network in basso. Trovare il NAS, il file server o il PC nell’elenco e poi fare doppio clic su di esso per vedere le cartelle condivise.

VEDI ANCHE  Come bypassare il Cestino e cancellare i file direttamente su Windows 10

Andate avanti e cliccate sulla cartella condivisa e poi cliccate su Facile accessoeMappa come unità. Si noti che è anche possibile fare semplicemente clic con il tasto destro del mouse sulla cartella e scegliere Mappa unità di rete. Dovrete fornire le credenziali per accedere al file server o al PC di rete.

Si noti che, a meno che entrambe le macchine non abbiano lo stesso nome utente e la stessa password, sarà necessario selezionare la casella Connetti usando credenziali diverse e poi digitare il nome utente e la password per quel computer o file server. Ora, quando si va al computer, l’unità mappata dovrebbe essere elencata.

Ora cliccate con il tasto destro del mouse sul drive di rete e cliccate su Proprietà. In basso, assicurarsi di controllare il Consentire ai file su questa unità di avere contenuti indicizzati oltre alle proprietà dei file.

Una volta fatto questo, i nuovi file verranno scansionati e inclusi nella ricerca di Windows 10. A seconda di quanti file sono stati aggiunti, potrebbe essere necessario un po’ di tempo prima di iniziare a vedere i risultati. Ora, quando eseguo una ricerca, vedo i file dalla mia cartella NAS mappata:

VEDI ANCHE  Come copiare/trasferire file su iPad

Che bello! Inoltre, si noti che per alcuni tipi di file come i documenti Word, indicizza anche il contenuto dei file, in modo da poter cercare all’interno di file di testo, ecc. Come ho detto prima, però, questi file non vengono indicizzati nell’indice di ricerca locale. Se cliccate su Start e digitate le opzioni di indicizzazione, vedrete che la posizione dell’unità di rete mappata non è elencata né può essere aggiunta.

Fondamentalmente, sta eseguendo la ricerca in tempo reale, motivo per cui sarà lenta se si dispone di un numero enorme di file sulla propria condivisione di rete. Questo è tutto! Inoltre, assicuratevi di controllare il mio post su come ricostruire l’indice di ricerca nel caso in cui non stiate ottenendo tutti i risultati desiderati quando fate una ricerca. Se avete problemi con la ricerca di una posizione di rete in Windows 10, pubblicate un commento qui e cercherò di aiutarvi. Buon divertimento!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *