Internet

L’applicazione Microsoft Translator funziona ora offline grazie all’IA

Le applicazioni di traduzione linguistica sono un ottimo strumento nell’arsenale di produttività di uno smartphone e la maggior parte di esse funziona bene anche senza connettività internet, ma quando si tratta di tradurre frasi complesse che richiedono un linguaggio naturale elaborazione e algoritmi di machine learning basati su cloud, è obbligatorio essere online. Microsoft ha ora rimosso la limitazione della connettività internet e ha annunciato che la sua applicazione Microsoft Translator, basata sull’intelligenza artificiale, non richiederà più una connessione internet e potrà funzionare bene in modalità offline su tutte le piattaforme supportate.

La versione aggiornata dell’applicazione Microsoft Translator per Android, iOS e Amazon Fire permetterà ora agli utenti di scaricare pacchetti di traduzione basati su AI che verranno utilizzati per tradurre le loro richieste anche quando sono offline.

Microsoft Translator ha aggiunto nuove funzionalità che consentono agli utenti e agli sviluppatori di ottenere traduzioni basate sull’intelligenza artificiale, indipendentemente dal fatto che abbiano o meno accesso a Internet. Le nuove funzionalità consentono sia agli utenti finali che agli sviluppatori di applicazioni di terze parti di avere il vantaggio della tecnologia di traduzione neurale, indipendentemente dal fatto che il dispositivo sia collegato al cloud o offline.

VEDI ANCHE  Hulu Plus contro Netflix contro Amazon Instant Video: Qual è il miglior servizio di streaming?

Microsoft sostiene che i pacchetti di traduzione offline sono in grado di fornire un output di traduzione di alta qualità, con tutte le traduzioni che seguono lo standard Neural Machine Translation (NMT) creato da Microsoft.

I pacchetti linguistici aggiornati sono attualmente disponibili per arabo, cinese, francese, tedesco, italiano, giapponese, coreano, portoghese, russo, spagnolo e tailandese, con supporto per ulteriori lingue attualmente in fase di sviluppo.

Microsoft sostiene che i nuovi pacchetti di traduzione linguistica basati su NMT sono in grado di produrre traduzioni senza errori che sono fino al 23% più accurate e il 50% più piccole, con la differenza tra traduzioni online e offline che è “appena percettibile”. Oltre agli utenti, anche gli sviluppatori potranno sfruttare le nuove funzionalità di Microsoft Translator integrando le funzionalità di traduzione online e offline dell’applicazione nelle loro applicazioni.

Se la loro app è offline, i pacchetti di lingue NMT memorizzati localmente saranno utilizzati per consegnare il testo tradotto alla loro app, e se gli utenti sono online, la richiesta di traduzione sarà indirizzata al servizio Microsoft Translator su Azure per recuperare e presentare il testo tradotto. L’app Microsoft Translator aggiornata con la funzione di traduzione offline è attualmente in fase di anteprima e verrà rilasciata tramite il canale stabile nei prossimi 90 giorni.

VEDI ANCHE  Come rispondere ai messaggi da Windows 10 (Supporta WhatsApp)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *